Museo Pietro Canonica

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > News
Data di pubblicazione: 04/12/2015

L’Indagine sulla qualità della vita e dei servizi pubblici locali nella città di Roma presentata questa mattina nella Sala della Protomoteca in Campidoglio ha confermato ancora una volta l’elevato grado di soddisfazione dei cittadini per i servizi culturali della città. In particolare il Sistema Musei Civici di Roma Capitale, grazie alla    Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e alla gestione dei servizi museali di      Zètema Progetto Cultura, hanno raggiunto un risultato eccellente: una media di 7.7 su 10.
 
 “Questa conferma ci rende orgogliosi ed è il segnale che dobbiamo proseguire su questa strada continuando a migliorare l’offerta ed i servizi del     Sistema Musei Civici di Roma. Infatti questo risultato è stato reso possibile grazie all’immenso patrimonio custodito nei nostri musei che viene valorizzato attraverso un’ampia offerta espositiva (proprio dal 4 dicembre sarà aperta al     Museo dell’Ara Pacis una grande     mostra di Toulouse-Lautrec con la collezione del Museo di Belli Arti di Budapest). Ma questo successo è dovuto anche al forte investimento fatto negli ultimi anni nell’innovazione tecnologica e nella comunicazione digitale attraverso i     social network perché siamo convinti che ogni museo debba parlare il linguaggio del passato, del presente e del futuro”.

Lo dichiarano il Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali Claudio Parisi Presicce e l’Amministratore Delegato di Zètema Albino Ruberti.

Data di pubblicazione: 21/10/2015

Ricco, articolato, suggestivo e, anche, divertente: dai grandi capolavori della storia universale alle testimonianze artistiche e culturali meno note disseminate sul territorio o conservate nei musei, fino alle mostre in corso e ai laboratori ludico-scientifici. 

Il programma di attività e iniziative che compongono l’offerta didattica per l’anno scolastico 2015/16, proposto dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dall’Assessorato Politiche Educative e Scolastiche, Formazione, Gioventù, Sviluppo Periferie  e dall’Istituzione Biblioteche di Roma,  con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura è stato presentato martedì 20 ottobre, ore 16, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio.
L’invito a scoprire il calendario di incontri e laboratori per le scuole e il progetto informativo per docenti “Educare alle mostre, educare alla città” è rivolto a dirigenti scolastici, coordinatori didattici, docenti e rappresentanti d'Istituto e di classe di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Al termine dell'incontro sarà possibile partecipare ad una visita guidata ai Musei Capitolini in occasione della mostra Raffaello, Parmigianino Barocci. Metafore dello sguardo.
Rinnovare la tradizione, rafforzare le attività con una sempre crescente sinergia tra l’istituzione e il mondo della scuola, incrementare l’interazione tra realtà museali e territorio: questi gli elementi che caratterizzano l’offerta didattica della Sovrintendenza Capitolina. Una tradizione educativa che, dalla fine degli anni ’70, ha mantenuto intatta la sua mission, forte della gratuità dell’offerta, dell’attenzione ai contenuti scientifici e alle modalità di linguaggio in modo da avvicinare in maniera piacevole, ma consapevole, bambini e ragazzi alla conoscenza del patrimonio e  favorire la crescita culturale e individuale: conoscere  per crescere.
Ma quali sono i temi e gli obiettivi delle iniziative didattiche?
Stimolare e approfondire la conoscenza dell'arte e della storia millenaria di Roma, mettendo in rete le informazioni riguardanti i diversi aspetti del patrimonio; frequentare i musei e i luoghi dell'arte e diventare consapevoli della bellezza complessa della città, dal centro alla periferia.
Dunque, non solo conoscere e apprendere ma, soprattutto, imparare a crescere.
LE NOVITÀ DELL’OFFERTA DIDATTICA 2015-2016
o    Oltre 200 proposte articolate per ogni tipo di scuola, sui musei e sul territorio per rendere  fruibile a chiunque la lettura di un patrimonio culturale, immenso e variegato, come quello della città di Roma.
o    Una nuova modalità di consultazione on line del catalogo per ricercare facilmente un’attività, selezionando  tipologia, musei, siti del territorio. Ogni attività è accompagnata dalla relativa scheda didattica.
o    L’arricchimento dei progetti speciali per offrire ai docenti ulteriori attività di supporto.
o    Una serie di proposte multidisciplinari - nate dal lavoro “in rete” tra istituzioni diverse: museo/ territorio, biblioteche, archivio.
EDUCARE ALLE MOSTRE, EDUCARE ALLA CITTÀ. PROGETTO PER I DOCENTI
Servizio informativo/formativo gratuito destinato ai docenti, giunto quest’anno alla 5^ edizione. Secondo una formula sperimentata che garantisce  l’alto profilo educativo e formativo del programma, direttori di
museo, curatori di museo e studiosi offriranno ai docenti approfondimenti sui temi della cultura e dell’arte e sulle più importanti mostre in corso.
Una scelta ampia e ragionata per individuare gli approfondimenti più rispondenti alla ricaduta didattica in classe.
•    Oltre 50 incontri con  visite alle mostre  (“Toulouse- Lautrec”, “Mario Sironi”, “Street Art”, “Raffaello, Parmigianino, Barocci”) e approfondimenti relativi alle collezioni e alla storia della città per una diversa lettura di Roma. Di particolare interesse gli interventi sulla storia del Giubileo,  sulla Grande Guerra, sulla didattica dell’arte attraverso il gioco, e una singolare maratona di lettura di sonetti del Belli.
•    Diverse incursioni su argomenti interdisciplinari attraverso la sinergia con altre istituzioni, come l’Archivio Capitolino, la Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea, il Dipartimento di Storia, Culture, Religioni e il Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo della Sapienza - Università di Roma, l’Istituzione Biblioteche, il Dipartimento di Architettura - Università degli Studi  Roma Tre.
•    La scienza entra quest’anno da protagonista con “EDUCARE ALLA CITTÀ: I LUOGHI DELLA SCIENZA”, per una visita virtuale lungo una ‘Roma scientifica’ non sempre immediatamente visibile. Attraverso otto incontri saranno messi in luce luoghi noti o sconosciuti al grande pubblico in cui si è svolta una parte importante della storia della scienza nazionale ed internazionale, oltre via Panisperna. Gli incontri, curati da Federica Favino e tenuti da docenti universitari saranno ospitati a rotazione presso l’Archivio Capitolino e la Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea. Il Museo Zoologico e la sua storia sono parte integrante di questo ciclo.
 
PROGRAMMA VISITE E LABORATORI PER TUTTE LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO
Il catalogo di proposte didattiche gratuite (la gratuità è dedicata alle scuole di Roma e Città Metropolitana fino ad esaurimento dei posti disponibili) offre modalità e strumenti di comunicazione puntualmente diversificati per fasce d’età, con visite alle mostre, percorsi museali guidati, passeggiate botaniche, laboratori, incontri scientifici, ludici. Gli argomenti spaziano dall’archeologia all’età contemporanea, dall’architettura alla storia, dalla scienza alle tradizioni popolari, dall’arte applicata alla botanica, dalla fotografia all’astronomia.
IN DETTAGLIO:
Incontri al museo e in città. Tra gli altri: “Le macchine e gli dei” alla    Centrale Montemartini; “La vita quotidiana romana a partire dalle rappresentazioni ottocentesche” al    Museo di Roma in Trastevere; “La storia della famiglia Torlonia” a    Villa Torlonia; “La figura di Augusto, dal mito alle origini dell’Impero” al    Museo dell’Ara Pacis; “Il viaggio nel tempo attraverso le opere e gli oggetti” del    Museo Napoleonico; “ Roma museo diffuso. Itinerari alla scoperta della città antica, della città moderna, delle ville nobiliari, dei giardini e delle passeggiate pubbliche.
Tanti  laboratori per osservare, manipolare e creare per vivere l’archeologia e l’arte oltre la mostra e attraverso l’opera, puntando sul binomio apprendimento – gioco. Fra i tanti: “Le statue a fumetti”; “Trova  Romolo e il suo corredo”; “Costruttori e ricostruttori”; “Geroglifici e cunei”, “Il piccolo erbario al giardino del Lago”, “Le anfore del Professor Dressel e molto altro ancora.
Inoltre, diversi progetti speciali, da svolgere nell’arco di una mattina: alle scuole secondarie sono dedicati percorsi tematici per una lettura della città nella storia, concepiti come cicli cronologici, articolati in percorsi tra museo e territorio. “Roma antica”, “Roma medievale”, “Roma moderna”, “Roma nell’ ‘800” e “Roma nel ‘900”, storia e memoria si dispiegano come un libro di immagini, percezioni ed emozioni sui temi affrontati in classe.
Ancora, Tra luoghi e carte permette di avvicinarsi alla storia della città e alla ricerca d’archivio attraverso itinerari integrati tra territorio e archivio Capitolino.
Leggere la città propone un doppio appuntamento con il museo e la biblioteca: una mattinata alla scoperta del
museo o del territorio e una sosta in biblioteca per ritrovare gli argomenti della visita attraverso la lettura.
Per i più piccoli infine il progetto pilota Apelettura: la Biblioteca va al Museo permetterà di far conoscere e narrare ai più piccoli il Campidoglio, i Mercati di Traiano, Piazza Navona e la Via Appia Antica.

Il catalogo è consultabile all'indirizzo     http://scuole.museiincomuneroma.it/

Data di pubblicazione: 02/10/2015

Questa domenica festeggiamo un anniversario importanteil 5 ottobre 2014 abbiamo infatti istituito la gratuità per i residenti registrando in 12 domeniche un ottimo successo di pubblico con 80mila visitatori. Una scommessa vinta che ha portato tanti cittadini anche della città metropolitana a conoscere i nostri     Musei Civici e a riappropriarsi delle proprie bellezze. Un altro dato interessante ci viene dagli 8 musei gratuiti (    Villa di Massenzio,     Barracco,     Bilotti,     Canonica,     Napoleonico,     della Repubblica Romana e della memoria garibaldina,     delle Mura,     di Casal de’ Pazzi) che hanno registrato, anche loro ad un anno da questa importante scelta fatta il 28 agosto scorso, 180mila visitatori con un incremento del +94%. Entrambi i progetti continueranno con l’obiettivo di ampliare sempre di più l’offerta soprattutto per i più piccoli e le famiglie. Iniziamo questa domenica con la     Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo 2015.

Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Cultura e allo Sport Giovanna Marinelli.

Data di pubblicazione: 15/09/2015

Mercoledì 16 settembre torna     Ask a Curator Day, evento internazionale su Twitter che per un’intera giornata fa interagire il pubblico con curatori e professionisti dei musei di tutto il mondo.

Anche quest’anno     Musei in Comune partecipa all’iniziativa per rispondere a domande e curiosità del pubblico.

Per partecipare basta utilizzare il proprio profilo Twitter e indirizzare una domanda a     @Museiincomune con l’hashtag     #askacurator.

I curatori dei Musei in Comune sono a disposizione con questi hashtag:

#CAP per i     Musei Capitolini

#MCM per la     Centrale Montemartini

#MFI per i     Mercati di Traiano – Musei dei Fori Imperiali

#MAP per il     Museo dell'Ara Pacis

#MGB per il     Museo Barracco

#MDM per il      Museo delle Mura

#CDP per il     Museo di Casal de' Pazzi

#MVM per la    Villa di Massenzio

#MRR per il     Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina

#MPB per il     Museo di Roma - Palazzo Braschi

#MNA per il      Museo Napoleonico

#MAM per la      Casa Museo Alberto Moravia

#GAM per la     Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale

#MAC per il     MACRO - Museo d'arte contemporanea di Roma

#MCB per il     Museo Carlo Bilotti

#MPC per il     Museo Pietro Canonica

#MCC per i     Musei di Villa Torlonia - Casina delle Civette

#MCP per i     Musei di Villa Torlonia - Casino dei Principi

#MCN per i     Musei di Villa Torlonia - Casino Nobile

#PMA per il     Planetario e Museo Astronomico

#MCZ per il     Museo Civico di Zoologia

Data di pubblicazione: 12/08/2015

Sarà un Ferragosto all’insegna della cultura: per chi resta in città l’offerta culturale resta varia e la cultura non si ferma, non va in ferie. Sabato 15 e domenica 16 agosto 2015, i     Musei in Comune Roma sono aperti  con     orario consueto e     tariffazione ordinaria, con le loro collezioni permanenti e le numerose mostre da visitare.

Tra le tante mostre in programma nei nostri musei segnaliamo ai     Musei Capitolini che ospitano     L’età dell’angoscia. Da Commodo a Diocleziano, mostra che illustra i grandi cambiamenti che segnarono l’età compresa tra i regni di Commodo (180-192 d.C.) e quello di Diocleziano (284-305 d.C.). Proseguendo, al     Museo di Roma in Palazzo Braschi,     Feste barocche "per inciso". Immagini della festa a Roma nelle stampe del Seicento documenta in cinquanta incisioni lo scenario di Roma “Gran Teatro del Mondo”, sfondo per l’ambientazione di feste e cerimonie laiche e religiose in occasione delle quali, soprattutto nel XVII secolo, furono realizzati grandi apparati effimeri nelle strade, piazze, chiese dai più noti architetti del tempo. Sempre qui     Gioacchino Ersoch (1815 – 1902). Un architetto per Roma Capitale celebra il bicentenario della nascita dell’architetto che, con lunga ed eclettica attività professionale, rispose creativamente alle esigenze di una città in evoluzione, spaziando dall’architettura civile a quella funzionale.
Ancora una sosta, in pieno centro storico, alla     Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi, con la sua preziosa collezione permanente di arte dell’Ottocento e prima metà del Novecento arricchita dalla mostra     Artisti dell’Ottocento - Temi e riscoperte con un “focus” di due sale sul pittore romano     Arturo Noci (Roma 1874 – New York 1953) incentrato sul periodo che precede il suo trasferimento a New York nel 1923. Le opere selezionate sono tra i più bei dipinti di figura che il pittore abbia mai realizzato in quegli anni.
Nutrire l'Impero. Storie di alimentazione da Roma e Pompei - mostra ideata in occasione dell’EXPO 2015 - racconta il mondo dell’alimentazione in età imperiale quando, intorno al bacino del Mediterraneo, si avvia la prima “globalizzazione dei consumi”: al    Museo dell'Ara Pacis a ferragosto e fino al 15 novembre 2015.
Sempre il cibo è protagonista al     Museo di Roma in Trastevere con     Buono da guardare: cibo, arte e ritualità nelle fotografie di Mario Carbone, un percorso espositivo di oltre mezzo secolo (1950-2001 circa) di reportage fotografico, con 71 immagini b/n e color provenienti dall’Archivio Mario Carbone. Le fotografie ricostruiscono parte della nostra storia più recente, spaziando dalle immagini a carattere prevalentemente etnografico degli anni Cinquanta dello scorso secolo che ritraggono il sud d’Italia - Basilicata, Sicilia, Sardegna, Calabria,  territori con un’economia ancora prevalentemente agro-pastorale o legata anche alle attività della pesca - a quelle più caratterizzanti gli aspetti sociali e culturali del nostro paese che testimoniano le tematiche artistiche d’avanguardia.
Anche i     Mercati di Traiano ospitano una grande mostra in occasione dell’EXPO 2015,     L'eleganza del cibo. Tales about food and fashion, per celebrare a Roma il connubio perfetto tra la nutrizione, tema dominante dell’esposizione universale, e la maestria sartoriale Made in Italy. Nello stesso sito, una retrospettiva dedicata allo scultore uruguayano     Pablo Atchugarry.
Vasta scelta per l’arte contemporanea al     MACRO, nelle sue sedi di via Nizza e Testaccio, tra cui, nell’ambito della mostra     100 Scialoja. Azione e Pensiero,     Gli amici di Toti Scialoja e Gabriella Drudi presenta una serie di opere della collezione privata di Toti Scialoja e di sua moglie Gabriella Drudi, sempre concesse dalla Fondazione Toti Scialoja di Roma nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della nascita dell'artista.

Miscela di spettacolo e archeologia, infine, i viaggi nell'antica Roma a cura di Piero Angela e Paco Lanciano si ampliano, dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno, e al     Foro di Augusto si aggiunge una nuova emozionante tappa nel      Foro di Cesare. L’entrata per il Foro di Augusto è a via Alessandrina lato Largo Corrado Ricci mentre per il Foro di Cesare l’appuntamento è a piazza Foro di Traiano, in prossimità della Colonna Traiana.

Data di pubblicazione: 08/07/2015

Il museo dedicato a Pietro Canonica, scultore di fama internazionale vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo, arricchirà la propria offerta espositiva con l’apertura al pubblico del “Deposito delle sculture”.

Nel cuore della villa e all’interno di uno degli otto musei gratuiti di Roma Capitale, tutti i visitatori e i turisti potranno finalmente ammirare circa ottanta opere originali prima collocate a decoro di Villa Borghese e provenienti, in gran parte, dalla Collezione Borghese. Tra il 1986 e il 1999, per ragioni di sicurezza, le sculture che ornavano il parco di Villa Borghese sono state rimosse dalle loro sedi originarie, sostituite da copie e ricoverate parte in un deposito all’interno del Museo Pietro Canonica, e parte nel giardino inferiore del museo. Nel 2009, grazie a un necessario e complesso restauro del locale adibito a deposito, i tecnici della Sovrintendenza Capitolina hanno progettato il recupero architettonico del vano coniugando le necessità tecnico strutturali con la ricerca di una suggestione estetica: uno spazio idoneo ad una corretta conservazione delle opere che fosse al tempo stesso un “deposito” visitabile e fruibile anche per il pubblico. Oggi le sculture originali possono quindi essere ammirate all’interno della nuova area espositiva, costituita da uno spazio aperto, dove sono rimaste opere per dimensioni non trasferibili all’interno, e uno spazio chiuso, per il quale è stato progettato e creato dalla Sovrintendenza Capitolina un allestimento estremamente razionale, realizzato dalla Società “Arco e Studio”, in funzione della necessità di ricoverare quante più opere possibili, mantenendo al tempo stesso la possibilità di accesso per i mezzi adibiti alle eventuali movimentazioni, in vista di prestiti o restauri. Contemporaneamente è stato avviato un programma di restauro conservativo delle opere realizzato, oltre che con i fondi della Sovrintendenza, con l’intervento della società “Tecnicon s.r.l., che ha contribuito alla realizzazione di una piccola pubblicazione da distribuire ai fruitori del nuovo spazio e a restaurare, in particolare, cinque opere scultoree (Stemma Borghese, statua di Apollo, Satiro in riposo, statua della “Filatrice”, statua di Ercole). Nonostante le spoliazioni subite, il patrimonio delle sculture di Villa Borghese comprende ancora oggi un nucleo significativo di opere, per la maggior parte copie romane del II-III secolo d.C. da originali greci del V- III sec. a.C., restaurate tra il XVI e il XIX secolo secondo il criterio del riuso e della reinterpretazione.

A partire dall’8 luglio il deposito verrà aperto al pubblico e potrà essere visitato in orario di apertura del Museo Pietro Canonica (dal martedì alla domenica, ottobre-maggio 10.00-16.00; giugno-settembre 13.00-19.00 – ingresso gratuito).
Saranno inoltre organizzate    visite didattiche gratuite per gruppi (max 20 persone).

Data di pubblicazione: 15/05/2015

Anche quest’anno Roma aderisce alla Notte dei Musei promossa dal Consiglio d’Europa. Grazie a questa iniziativa, sabato 16 maggio, dalle 20 alle 24, i principali musei della città sono visitabili al costo simbolico di un euro.
Con MasterCard e il suo Programma Priceless Rome, si può vivere un’esperienza unica con la Notte dei Musei.    Priceless.com/rome

Data di pubblicazione: 07/05/2015

Tre giornate per “fare cultura sulla celiachia”, a Roma, organizzate dall’Associazione Celiachia del Lazio (AIC Lazio Onlus) in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo di Roma -  Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Zètema Progetto Cultura.

Sabato 16 e domenica 17 maggio, dalle 10.00 alle 16.00 al Museo Pietro Canonica di Villa Borghese (Viale Pietro Canonica 2 – Piazza di Siena) l’Associazione sarà presente con uno stand dove si potranno avere tutte le informazioni sulla celiachia e consulenze con medici nutrizionisti, accompagnate da degustazioni rigorosamente glutenfree.

Venerdì 22 maggio, dalle 10.00 alle 16.00, lo stand sarà allestito presso il Museo di Roma in Trastevere (Piazza Sant’Egidio 1/b).

Questi appuntamenti si svolgono nella Settimana Nazionale della Celiachia, un’iniziativa ideata dall’Associazione Italiana Celiachia (AIC) che vede coinvolte tutte le AIC regionali italiane per una grande campagna di informazione e sensibilizzazione rivolta al grande pubblico, inserita nell’ambito dell’Esposizione Universale il cui tema è “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Expo 2015 è un’importante opportunità che consente all’Associazione di introdurre il tema della celiachia nella riflessione globale sull’alimentazione. Si stima, infatti, che nel 2050 la Terra sarà abitata da 9 miliardi di persone, le quali avranno necessità di nutrirsi rispettando i delicati equilibri del Pianeta che le ospita. Ma l’1% della popolazione mondiale dovrà nutrirsi senza glutine. Si tratta di ben 90.000.000 di persone, un dato calcolato prendendo in considerazione la prevalenza della celiachia in Italia e nel Mondo.

"In Italia, secondo i dati del Ministero della Salute presentati a dicembre nella Relazione al Parlamento sulla Celiachia, risultano circa 164.000 celiaci, 15.000 in più rispetto allo scorso anno. Nel Lazio nel 2013 ci sono state 971 nuove diagnosi per un totale di 16.000 diagnosticati - sottolinea Paola Fagioli, Presidente di AIC Lazio - e solo a Roma le diagnosi di celiachia sono oltre 8.000, senza parlare dei non diagnosticati, circa 9 su 10. Di qui – conclude Paola Fagioli – l’esigenza di organizzare un evento di informazione e sensibilizzazione su scala nazionale, volto da un lato a facilitare le diagnosi precoci e dall’altro a migliorare sempre più la qualità di vita del celiaco. Coniugare arte e cultura, è stato   inevitabile per noi che siamo a Roma, città che accoglie ogni anno milioni di turisti provenienti da tutto il mondo. Fare cultura sulla celiachia e su una corretta e gustosa alimentazione senza glutine ci è sembrato un modo per comunicare anche con loro”.

Giovedì 21 maggio, AIC Lazio organizza, inoltre, a Ladispoli un convegno in collaborazione con Assobalneari volto a migliorare l’accoglienza dei celiaci in spiaggia durante la stagione estiva.

Maggiori informazioni: Tel. 06 36010301 –     sede@aiclazio.it -     www.aiclazio.it

La Settimana della Celiachia:     www.settimanadellaceliachia.it

Data di pubblicazione: 07/04/2015

"Pasqua 2015 è stata una bellissima giornata di festa nel segno della cultura. Sono stati diecimila i visitatori in tutti i nostri     Musei Civici. In particolare mi preme sottolineare i circa 4mila residenti, per la prima volta anche della città metropolitana, che hanno affollato le nostre sale e mostre: un segnale bellissimo”.
I musei più visitati sono stati i     Musei Capitolini, seguiti dai     Mercati di Traiano e     Ara Pacis.

“Lunedì 6 aprile 2015 è stata un’altra giornata straordinaria per la città di Roma, caratterizzata da una grande affluenza nei nostri    Musei Civici. Anche oggi sono diecimila i visitatori che li hanno scelti con un notevole successo dei     Musei Capitolini (con 1.653 ingressi) seguiti da uno dei nostri otto musei gratuiti, la     Villa di Massenzio (con 1.554 biglietti staccati). Sono stati loro i protagonisti della giornata di lunedì.
 Tra i più visitati, inoltre, il     Museo delle Mura, quello dedicato a     Pietro Canonica, il     Museo Bilotti e il     Napoleonico. Tutto esaurito per le visite guidate anche al neo     Museo di Casal De' Pazzi dedicato al Pleistocene. Un weekend straordinario che ha totalizzato quindi circa 20mila visitatori”.
Lo dichiara in una nota Giovanna Marinelli, Assessore alla Cultura e al Turismo.

Data di pubblicazione: 18/03/2015

Con i suoi 93.000 followers, l’account Twitter    @museiincomune - gestito da Zètema Progetto Cultura per conto di Roma Capitale Assessorato Cultura e Turismo -  Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali - è il primo profilo museale italiano. Un account che racchiude le diverse realtà del    Sistema Musei Civici, dai    Musei Capitolini, il museo pubblico più antico del mondo, al    MACRO, Museo di Arte Contemporanea passando per il    Museo dell’Ara Pacis, la    Centrale Montemartini, i    Mercati di Traiano per un totale di 20 musei.

Per questo motivo è stato invitato a partecipare alla seconda edizione della    #MuseumWeek, la settimana dei musei ideata da Twitter che si svolgerà da lunedì 23 a domenica 30 marzo e coinvolgerà i più prestigiosi musei del mondo.

La #MuseumWeek su Twitter è un progetto internazionale pensato per mettere in luce i musei più attivi su Twitter avvicinandoli ulteriormente al loro pubblico e creando sinergie con le più importanti istituzioni museali. Nel corso della settimana tutti i musei partecipanti diffonderanno nuovi contenuti, mostreranno il “dietro le quinte” della vita museale ed interagiranno con il pubblico seguendo un tema diverso ogni giorno, sempre utilizzando l’hashtag #MuseumWeek.

Una settimana di "open day" virtuali che seguirà questo calendario:

  • Lunedì 23 marzo #secretsMW per scoprire la vita quotidiana dei musei, il “dietro le quinte” e anche qualche segreto.
  • Martedì 24 marzo #souvenirsMW per condividere i ricordi della visita ai musei, con un oggetto, un catalogo, una visita didattica o un momento che ha lasciato il segno.
  • Mercoledì 25 marzo #architectureMW per raccontare la storia dell’edificio, dei giardini, dei quartiere e dei suoi luoghi emblematici.
  • Giovedì 26 marzo #inspirationMW  l'arte, la scienza, la storia sono dappertutto intorno a noi. Giovedì il pubblico sarà invitato a catturare alcuni contenuti correlati con l’offerta museale.
  • Venerdì 27 marzo #familyMW per presentare tutti i contenuti che rendono speciale la visita in famiglia o con la scuola e per raccogliere le esperienze di visita del pubblico.
  • Sabato 28 marzo #favMW per raccontare i fiori all’occhiello dei musei e invitare i visitatori a condividere ciò che hanno amato di più nel corso della loro visita.
  • Domenica 29 marzo #poseMW pose, memi, selfie, i musei diventano un set in cui i visitatori e le opere diventano i protagonisti.

Inoltre, in occasione della    #MuseumWeek e del rientro in sede delle opere della collezione permanente, per il prossimo weekend il    Museo Carlo Bilotti ha in programma una    serie di iniziative dedicate al suo pubblico, allo scopo di avvicinare i visitatori, grandi e piccoli, alla sua realtà e quotidianità.

Tra i musei coinvolti in questa seconda edizione della #MuseumWeek provenienti da tutti i continenti, segnaliamo: il Musee du Louvre, il Musée d'Orsay, il Centre Pompidou, il Museo Frida Kahlo, il Tokyo National Museum, il Rijksmuseum, il Museo Nacional del Prado, il British Museum, il Guggenheim Museum e lo Smithsonian. In Italia, oltre ai Musei in Comune partecipano, tra gli altri: il MAXXI, il Museo MADRE, il MART di Trento e Rovereto e il Museo Egizio.

Per Musei in Comune sarà una nuova opportunità di fare rete ed interagire col pubblico in un’ottica sempre più incentrata sulla comunicazione digitale. Infatti, il mondo web e social di Musei in Comune cresce giorno dopo giorno arricchendosi di contenuti sempre nuovi e i numeri testimoniano il gradimento del pubblico:

- 2.720.000 i visitatori del portale    www.museincomuneroma.it e i siti museali ad esso legati (tutti disponibili in 4 lingue: italiano, inglese, francese e spagnolo) pari al 11,3% in più rispetto all’anno precedente;

- 263.000 “mi piace” su Facebook (+200% rispetto al 2013), 93.000  followers su Twitter (+150% rispetto al 2013), 900 iscritti al canale Youtube, 8.600 foto caricate su Flickr, 3.500 seguaci su Instagram.

Dal 2008 Musei in Comune svolge attività di social networking non solo per lanciare gli eventi, le mostre e le attività dei musei ma anche per raccontarli, ad esempio diffondendo opere più o meno conosciute e contestualizzandole, lanciando curiosità, anticipazioni, notizie in tempo reale e backstage per ingaggiare rapporti con il pubblico, raccontando storie e curiosità. Tramite i diversi canali vengono anche diffusi nuovi contenuti come i video di approfondimento, le cartoline e i contest realizzati per le mostre e gli eventi.

Twitter    @museiincomune

Facebook    Musei in Comune Roma

Instagram    museiincomuneroma

Blog    museiincomuneroma.wordpress.com

Data di pubblicazione: 10/03/2015

I partecipanti alla Maratona di Roma (22 marzo 2015) potranno accedere con biglietto a prezzo ridotto a tutti i Musei Civici di Roma nel periodo compreso tra il 19 e il 24 marzo 2015.

torna al menu di accesso facilitato.